NUOVA SFIDA IN MARE Open Arms: “Imbarcazione con 55 migranti a bordo, scortata verso Lampedusa”


Nuovo attacco alla nostra democrazia da parte dell’Europa usando l’arma ONG. E’ chiaro che si tratta di una serie di operazioni intimidatorie verso Salvini ed il Governo Conte, ma non ci riusciranno.
Dovranno dichiararci guerra e noi risponderemo.

“Localizzata imbarcazione partita dalla Libia con 55 persone, 4 bimbi e 3 donne in gravidanza, alto livello di disidratazione dopo 3 giorni di viaggio”, annuncia la Open Arms sul suo profilo Twitter. “Segnalata e attivate le autorità competenti perché se ne facessero carico. Scortati ora verso Lampedusa“. Dopo la Sea Watch dunque ci si mette la Open Arms.

Una “offensiva coordinata“, un assalto politico ai porti italiani. Al Viminale stavano tenendo d’occhio da giorni sia la Open Arms sia la Sea Eye, e il timore di una “morsa mediatica” molto prossima, subito dopo la fine del caso Sea Watch, era alla base del messaggio, forte e chiaro, del ministro degli Interni Matteo Salvini.

La nave ha atteso l’arrivo di Guardia di Finanza e Guardia costiera che hanno trasbordato i migranti. Undici di loro verranno trasportati a Lampedusa per motivi sanitari, e dovrebbero arrivare nel pomeriggio, mentre gli altri 44 verranno portati in Sicilia tra Pozzallo e Licata.

Che senso ha rimanere all’interno di un Club tiranno che vuole solo il predominio sul nostro Paese per farne bottino di guerra.

Meglio uscirne subito ITALEXIT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *