Arrangiati itagliano

ARRANGIARSI SÌ, MA A TUTTO C’È UN LIMITE (E LO AVETE STRA SUPERATO)

E’ inutile negarlo, in Italia il senso civico non è mai stato ai massimi livelli. A scuola educazione civica era relegata ad un’oretta alla settimana, nemmeno tutti gli anni, forse perché da tempo si pensa che le persone debbano solo occuparsi di delegare terzi per il loro bene, invece che interessarsi direttamente delle cose ed imparare a considerare anche loro ciò che è pubblico (anche loro, non loro come pensano taluni).
Ovviamente ci sono le dovute eccezioni, l’Italia è lunga e variegata ed assistiamo ad un approccio molto diverso quando si parla affrontare i problemi, ma, sempre più, l’arte di arrangiarsi prende piede nel popolo italico.
La spasmodica ricerca del contributo pubblico un uso in tante aziende (senza verificare se ciò per cui si chiedeva un contributo avesse un senso) è stata trasferita ultimamente ai privati che dal divano pretendono di percepire, vita natural durante, un reddito di cittadinanza addirittura commisurato alle loro aspettative. Fate finta di non saperlo, ma sono una marea le persone che non votano più i figli delle stelle perché pensavano di avere 800 euro al mese e ne hanno presi solo 2/300.
Arrangiamoci dai, un po’ ce lo danno i figli delle stelle il resto arriva con un bel lavoretto in nero, e fanculo se un imprenditore (sporco evasore, brutto e cattivo) mi offre un lavoro.
Ma questi sono miei concittadini? Votano? Influiscono sulla vita di chi per vivere il culo sul divano non lo mette mai?
Ovviamente tutti amareggiati per gli stipendi faraonici dei parlamentari, che poi faraonici non sono (basterebbe informarsi invece che arrangiarsi con le minchiate su Facebook), ma sempre soldi buttati nel cesso visto che tanto non si sentono nemmeno più se non a starnazzare nei vari programmi TV.
E allora arrangiamoci con il Parlamento che abbiamo, tanto cosa vuoi che serva, il capo partito pensa già lui a tutto.
Arrangiamoci con una sanità che passa da essere disastrata ad eroe in funzione dell’emergenza che capita, e arrangiamoci anche con tutte queste emergenze fatte perché il governo possa arrangiarsi come vuole.
E arrangiamoci coi Recovery Fund che pensi che siano regali, e non sai che invece dovremo anticiparli noi (basterà una patrimonialina sulla prima casa, che ci vuole, basta arrangiarci), e poi li riceveremo un po’ alla volta se facciamo i bravi. Ma basta arrangiarci, lo abbiamo sempre fatto con l’euro, e guarda come stiamo arrangiati!
E poi basta con tutti questi incontri in piazza, a messa, a scuola: distanti ed imbavagliati, dopotutto il reddito di nullafacenza arriva lo stesso e le tasse per pagarlo basta aumentarle un po’ a chi lavora: dai, arrangiamoci così, con la FIAT 126 storica da usare tutti i giorni senza pagare bollo ed assicurazione.
Arrangiamoci, è lo Stato che deve pensare a noi, noi al massimo stiamo sul divano, sussidiati come se non ci fosse domani, tanto qualcuno che si fa il culo al nostro posto c’è sempre, ma perché è colpa sua, non sa arrangiarsi, vuole lavorare onestamente e pagare le tasse con dignità, non vuole vivere con la spada di Damocle sulla testa ogni minuto. Non sa arrangiarsi, non ruba, non evade, non scappa, si lamenta e basta e rimane onesto, è proprio un coglione.
Arrangiamoci dai, accettiamo tutto, chiusure, figli inginocchiati a scuola, governanti imbonitori, giornalisti asserviti, presidenti provocatori, che ce ne frega, basta adattarci.
E poi è una vita che in Italia si danno stipendi (pubblici) per avere voti, il reddito di grattamento di palle lo hanno sempre dato. Ma adattiamoci, anzi, aumentiamo i cittadini a cui dare un divano ed un reddito di clandestinanza (e magari un monopattino) prendendoli da altre nazioni che tanto un coglione che paga (disadattato) c’è sempre.
Arrangiamoci ed adattiamoci al sistema fiscale tedesco, adattiamoci al parlamento bulgaro, adattiamoci alle tasse da super lusso, adattiamoci alla corrente elettrica che vendono in oreficeria, adattiamoci a comprare macchine ibride che con 30000 euro ti compri la 500 che quella che hai è 2 annoi che inquina.
Arrangiamoci con un uomo che non è un uomo ed una donna che non è una donna, con un fascismo che non è fascismo, con un razzismo che non è razzismo, adattiamoci ai processi farsa ai capi dell’opposizione, tanto mi sta antipatico, cavoli suoi, ed io non sarò mai al suo posto, perché se ti arrangi il tuo culo non sarà mai sfiorato dalla griglia che ti stanno preparando (su cui vedi stare male gli altri ma te ne freghi alla grande, brutto pezzo di m… che sei).
Tu arrangiati e credici.
Ora che ti sei arrangiato, che credi di essere al sicuro, ora ti arriverà il conto, perché chi ti ha mantenuto fino adesso, o muore, o se ne va! Contento?
ORA ARRANGIATI SCEMO MASCHERATO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *