L’ignoranza è un valore

Michela Murgia: “In una società dove l’ignoranza non è più un difetto, insegnare non è più una virtù”

Michela Murgia

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

Su Donna Moderna abbiamo letto una triste considerazione della scrittrice Michela Murgia.
La riflessione trae spunto dai frequenti casi di insegnanti aggrediti, minacciati e picchiati da studenti o dai loro  genitori.
Un’escalation preoccupante che mette in serio pericolo il ruolo del docente nel mondo dell’istruzione.

Murgia è chiara sull’argomento: 
“Nel moltiplicarsi in tutta Italia dei casi di insegnanti picchiati sia dagli studenti che dai loro genitori verrebbe la tentazione di ricorrere a un luogo comune e commentare come fanno gli anziani, dicendo che i tempi sono degenerati e che non esistono più le educazioni di una volta.
Purtroppo è falso:
i prepotenti sono sempre esistiti e la voglia di spaccare la faccia alla figura di autorità non è nata oggi”.

“A essere cambiato – continua Murgia – è invece il rispetto sociale intorno all’atto dell’imparare e del farlo a scuola, che fino a qualche decennio fa era l’unico modo per migliorare la propria posizione sociale se si era modesti di famiglia, ma oggi è percepito solo come pedaggio obbligatorio prima di entrare in un mondo del lavoro dove da anni ci sentiamo dire (falsamente) che “il pezzo di carta non serve a niente”.
In una società dove l’ignoranza non è più un difetto, insegnare non è più una virtù”
conclude amaramente la scrittrice.

Redazione Curiosity

 

Un commento su “L’ignoranza è un valore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *